Archivio degli articoli con tag: mav

“La felicità per gli investimenti nella scuola dimostra una volta in più che l’uomo è l’unico animale capace di servitù volontaria. Neppure i polli di allevamento sono tanto polli da essere felici per le gabbie rinforzate”

(Dalle sentenze proverbiali del MAV)

Annunci

Venerdì 26 ottobre 2012, alle ore 16.30, in occasione della NeXT Fest in programma al Centro Culturale Elsa Morante di Roma, Marco Rossi Lecce e Antonio Saccoccio presenteranno, con il coordinamento di Sandro Battisti, il video-documentario Sulle tracce del Futurismo, con testimonianze video degli ultimi futuristi. E’ prevista la proiezione di diverse sezioni del documentario, nato da un’idea di Marco Rossi Lecce e realizzato nel 2009 con il contributo critico di Enrico Crispolti e la partecipazione del Comune di Roma. Il video, inizialmente girato in video-tape bianco e nero, mezzo pollice, tra il 1979 e il 1980, è stato riversato in seguito su digital Beta. Le testimonianze dei futuristi intervistati (tra cui Tullio Crali, Giuseppe Sprovieri, Giannina Censi, etc.) saranno commentate dallo stesso Rossi Lecce, che tra l’altro è legato da parentela con il pittore futurista Carlo Erba, e da Antonio Saccoccio, che da diversi anni propone una revisione critica e un aggiornamento di alcuni aspetti decisivi della poetica futurista. Sarà l’occasione per discutere della scultura,  della poesia, della danza e dell’intera ideologia che animò la prima avanguardia europea. Nell’ultima parte dell’incontro verranno illustrati i legami tra il Futurismo e alcune poetiche contemporanee.

26 Ottobre 2012

 Ore 16.00

Conferenza stampa

Ore 16.45 – Radici 1

L’esperienza delle Avanguardie: una testimonianza video degli ultimi Futuristi

Con Marco Rossi Lecce e Antonio Saccoccio

Ore 17.45

Presentazione nuovo Podcast connettivista

Con Simone PizziGabriele Calarco e Sandro Battisti

Ore 18.00

Presentazione libri

“Sentieri di notte” di Giovanni Agnoloni – Galaad Edizioni – con Francesco Verso e l’autore

“Olonomico” di Sandro Battisti –  CiEsse Edizioni – con Luigi Milani e l’autore

“Notturno alieno” di Gian Filippo Pizzo – Bietti – con il curatore

Ore 20.15

Rinfresco

Ore 21.45

Performance – Reading

A cura dei connettivisti

‎”Le civiltà future si domanderanno come mai la nostra società, che ha contribuito in tanti campi a far progredire l’umanità, abbia potuto appassionarsi a problemi così futili come quelli dell’arte” (Gimpel)

 Domenica 4 marzo alle ore 17.30 presso la Sala dei Sigilli del Forte Sangallo di Nettuno (Roma) Vitaldo Conte e Antonio Saccoccio presenteranno il libro Pulsional Gender Art dello stesso Conte, edito da Avanguardia 21 Edizioni. La presentazione sarà parte dell’evento ipermediale “Donna-Arte Oggi in Lussuria Futurista e CyberSex”, in cui Conte, critico d’arte e saggista, e Saccoccio, oltre-artista net.futurista e editore, proporranno una nuova linea per l’avanguardia calda contemporanea, illustrando un percorso teorico-creativo lungo un secolo: dai futuristi F. T. Marinetti, Valentine de Saint-Point e Italo Tavolato ai creativi totali contemporanei: la punk-anarco-situazionista Helena Velena e il suo transgender cybersex, la popstar transgender Laika Facsimile e i suoi videoclip estremi taggati MAV (Movimento per l’Arte Vaporizzata), il cyber-supereroe Vitaldix con T-Rose (Laura Baldieri, Tiziana Pertoso), il postfuturista Roberto Guerra con il suo Moana Lisa Cyberpunk. Conclude l’evento Ugo Magnanti con l’appendice “Tra guanto bianco e mutilata rosa”. Coordina Eugenio Bartolini.

«Un essere che si voglia dire umano deve essere in grado di pianificare una rivolta, guidare un aereo, progettare un edificio, scrivere parole in libertà, tenere la contabilità, costruire una parete, aggiustare un osso rotto, confortare i malati, risollevare i depressi, prendere per il culo gli arrivisti, collaborare, agire da solo, risolvere un problema nuovo, raccogliere il letame, programmare un computer, preparare un pasto succulento, organizzare un’avanguardia, battersi con coraggio, morire dal ridere, ridere della morte. La specializzazione la lasciamo volentieri agli insetti»

(MAV, mOVIMENTO aRTE vAPORIZZATA)